Top Menu

Sulla tavola delle feste un dolce tipico bresciano: il Bossolà

Bossolà brescianoIn questo periodo dell’anno appena si mette piede in un supermercato si viene sovrastati da “muraglie” di scaffali stracolme di dolci di ogni tipo. Una sovrabbondanza di quantità a cui non sempre corrisponde altrettanta qualità. Certo è che numerosi dolci di fine pasto vengono proposti a prezzi davvero convenienti e rappresentano una vera tentazione.

Origini del Bossolà

Noi però abbiamo deciso di fare un breve viaggio a ritroso, per riscoprire il dolce tradizionale bresciano per le feste di Natale: il Bossolà.

In verità, alcune pasticcerie lo propongono tutto l’anno, ma nasce come dolce natalizio. Avendo la forma di una ciambella, molti lo assimilano al bisulan mantovano o al bussolano cremonese, ma a differenza di questi è decisamente più soffice e vaporoso.

Come ogni cibo di antica memoria, le origini sono controverse. Qualcuno dice che siano stati i veneziani a portare questo dolce in città, altri sostengono che abbia origini ancora più remote. La versione a cui viene dato maggior credito è che il termine bossolà derivi dal celtico “bés ‘mbesolàt”, che significa serpente attorcigliato.
Un simbolo molto potente quello del rettile che si morde la coda, emblema della natura ciclica delle cose. Affonda le proprie radici nella notte dei tempi e ci riporta ai riti di rinnovamento e rinascita, rendendo dunque il Bossolà una pietanza beneaugurante.

Gli ingredienti

A base di uova, burro e farina, il Bossolà richiede una lavorazione piuttosto lunga. La ricetta del Maestro Pasticcere Igigno Massari, nostro illustre concittadino, prevede cinque fasi di lavorazione dell’impasto e quasi sette ore di lievitazione. Quindi se, non siete proprio degli esperti in cucina, vi suggeriamo di seguire una versione casalinga semplificata della ricetta disponibile qui, oppure di andare direttamente in pasticceria.

I dolci della grande distribuzione saranno sicuramente più economici, ma per celebrare le feste come si conviene un dolce tradizionale e genuino sulla tavola non può mancare!

BaT

,