Top Menu

Mille e uno motivi… per mangiare il pistacchio!

PistacchioNon c’è niente di più delizioso, prelibato, versatile nell’uso e ricco di nutrienti come il Pistacchio, del quale parliamo oggi, considerato l’oro verde della cucina.

Origine

I pistacchi sono i semi contenuti nel frutto del Pistacchio (Pistacia vera), un alberello davvero longevo e che raggiunge anche una decina di metri, con chioma alta e fitta. L’origine di questa pianta risale all’Asia Minore, e oggi la si può trovare in tutti quei paesi che godono di un clima caldo e asciutto, come il Medio Oriente. Ad oggi le maggiori zone di produzione e coltivazione sono la Cina, la California e ovviamente l’Italia. Da noi, infatti, si trova storicamente la qualità di pistacchi più apprezzata nel mondo: i pistacchi siciliani di Bronte a marchio DOP, che crescono alle pendici dell’Etna.

Uso in cucina

I pistacchi vengono utilizzati sia sgusciati sia pelati, spesso tostati e salati, per essere consumati da soli come snack. L’uso maggiore è sicuramente nella pasticceria, per preparare gelati, cioccolate, creme e torroni. Ma trovano spazio anche nella produzione di salumi, come la mortadella o il salame, o per condire e arricchire primi e secondi piatti.

Proprietà benefiche

Oggigiorno il loro utilizzo è ampiamente consigliato per i nutrienti in essi contenuti e per l’importante funzione salutare che svolgono all’interno di una dieta alimentare equilibrata. In effetti, tra tutti i tipi di frutta a guscio, il pistacchio è quello che assicura i maggiori benefici nutrizionali per caloria. Tuttavia è bene ricordare che non bisogna mai eccedere nelle quantità.

Nello specifico i pistacchi al naturale sono un alimento povero di sodio e colesterolo e ricco di vitamine e minerali con proprietà antiossidanti, come vitamina B6, tiamina, rame, fosforo, potassio, ferro e manganese, zinco e selenio.
I lipidi contenuti nei pistacchi sono in buona parte mono e polinsaturi, appartengono cioè a quella classe di acidi grassi che aiutano a tenere sotto controllo il colesterolo.
Troviamo inoltre circa il 10% di fibra, soprattutto quella insolubile. La la fibra alimentare è un composto importante per il benessere dell’organismo. È stato infatti riconosciuto a livello scientifico il suo ruolo nel prevenire l’insorgenza di alcune patologie metaboliche, tra le quali il diabete, e patologie cardiovascolari.

Una manciata di questi semi oleosi come merenda, a metà mattino o pomeriggio, risulta essere il migliore spuntino offertoci dalla natura. Abbiamo quindi mille e uno motivi per cedere all’irresistibile gusto di questo prezioso seme!

BaT

,