Top Menu

Escursioni e trekking in Val Camonica, tra i sentieri di Borno

Lago di Lova | Borno - Val CamonicaBorno

Vi proponiamo oggi un itinerario da percorrere in Val Camonica, un luogo suggestivo dove sono ancora visibili le tracce della presenza dell’uomo preistorico sotto forma di incisioni rupestri. Nello specifico parliamo di Borno, un piccolo borgo in cui i resti delle antiche necropoli e delle strutture murarie medievali si offrono ancora allo sguardo dei viaggiatori.

Sentieri e percorsi

Nei dintorni di Borno il tempo libero non si trascorre mai allo stesso modo. Non vi parleremo degli eventi mondani, ma di escursioni e opportunità di partecipare a sport ed attività all’aperto.  Le possibilità sono numerose e varie in base a ogni stagione. Di particolare interesse per escursionisti e trekkers sono i molteplici percorsi che si snodano fra verdi vallate e imponenti vette, offrendo semplici passeggiate in sentieri guidati o impegnative scalate, fino ai tradizionali rifugi che accolgono i visitatori con le gustose ricette del luogo.

Il Percorso della Memoria

Tra i tanti itinerari che è possibile percorrere qui a Borno, ne segnaliamo uno in particolare, il Percorso della Memoria. Si tratta di un sentiero piuttosto facile di una lunghezza complessiva di 5 km e con un dislivello massimo di 400 metri, da percorrere in meno di 3 ore, dedicato ai luoghi storici e di interesse culturale.

Il Percorso della Memoria si articola a partire dalla chiesetta della Dassa, all’interno della quale si trova un celebre affresco raffigurante l’incendio che bruciò Borno nel XV secolo.
Procedendo per via Brennero si incontra un’antica casa colonica con una fontana di epoca longobarda. Si inizia poi a salire e abbandonare le case del Paese, in direzione lago di Lova. Passato il Put de Fus, si prosegue in salita fino a un bosco di abeti rossi dove, specialmente in questo periodo dell’anno, si possono trovare funghi profumati.

Da qui solo 20 minuti separano dalla conca del lago. Tutto attorno baite, pascoli e le imponenti sagome dei monti. Attraversato il lago e percorsa la discesa, si giunge alla Cappella di Sedulzo, che conserva affreschi della battaglia avvenuta nel 1944 fra partigiani locali e tedeschi. Proprio dietro la chiesa si riprende il sentiero che, attraverso il fitto bosco, ci conduce al bivio verso Freàl e poi Duregno, permettendoci di ammirare lungo la strada, prima di tornare al punto di partenza, l’altipiano su cui sorge Borno e in lontananza le Prealpi Camune.

Storia, cultura e paesaggi per un’escursione in mezzo alla natura della Val Camonica.

BaT

, , ,